_______ IL NAVICORDO

Poesia

 

VICOLO DEGLI SCALPELLINI

di Nunzio Navarra

 

Fra o barbiere e a pizzeria

sta n'arcata e pret'antiche

senza porta e né ccanciello,

semp'è a gguardia, a ssentinella

e stu stritto vicariello

da ch'è ssorto, eternamente.

 

Fore ccà, appena trase,

nc'è, nu muro malandato,

pret' e tufo e stunnacato,

nfunno llà na palazzina

cu rranghiere pitturate

e ffeneste e balcuncini

d'alluminio nuovi fatti:

ccà o sole tarde sbatte.

 

Nfaccia o muro o nummariello,

sona, a nonna, o campaniello,

scenn'abbacscio o vicchiariello

cu la mana a dduje bambini,

dice o nonno A chi cercate?

O risponne a vicchiarella:

P' o cuntuorno aggiu ggirato

e mmo ccà mme so' ttruvata.

 

Al che, pronti, i fanciullini:

Chist'è o Vicolo, signò,

della Vita, dei ricordi,

pure Degli Scalpellini!

 

Nunzio Navarra

 

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2003 Company Name _______________________